Once Upon a Time... in Hollywood ★★★½

Il cinema non va di certo spiegato, ma non dovrebbe neanche portare a doversi leggere informazioni e dettagli vari per essere compreso. È purtroppo questo il caso di C’era una volta a Hollywood, un film dal contesto storico pazzesco, ricco nella regia, nei dettagli e nei caratteristici dialoghi di Tarantino che regalano momenti struggenti e intensi, ma che va dimenticandosi di tutto il resto. È una dichiarazione d’amore per un mondo Hollywoodiano (e cinematografico) che non esiste più, cadendo peró sotto il peso della voglia di mostrare, a tutti i costi, il suo amore per quel momento storico e di quel modo di fare cinema. Dà tutto per scontato, come se tutti conoscessero già quella storia e quei personaggi, non preoccupandosi di scriverci sopra una sceneggiatura volta a creare una storia chiara e sostenibile autonomamente. Ne esce così qualcosa che non accontenta nessuno: chi conosce la storia, attenderà degli sviluppi che non accadranno mai; chi non la conosce, vedrà dei magnifici personaggi vagare senza meta. Rimane un’intima lettera d’amore per l’età dell’oro di Hollywood, piena zeppa di analogie e metafore toccanti e dolorose, ma da uno come Tarantino… era lecito aspettarsi molto altro.

Recensione completa: www.linventariodichicco.it/2019/09/27/recensione-cera-una-volta-a-hollywood/