Favorite films

Don’t forget to select your favorite films!

Recent activity

All

Recent reviews

More
  • Class of 1999

    Class of 1999

    ★★★

    Una delle pellicole sci fi più trash ed allo stesso tempo più godibili del secolo scorso, è senza dubbio CLASSE 1999.
    il regista Mark L. Lester, sulla scia estetica di pellicole sci fi di grande impatto a livello mondiale, quali 1997 FUGA DA NEW YORK, ROBOCOP e TERMINATOR, mescola lo stile fracassone ed esagerato di COMMANDO (suo film più celebre) con il teen movie d'azione, non lesinando per questo in omicidi efferati, sangue e atmosfere punk semi apocalittiche. Il risultato…

  • The Beast

    The Beast

    ★★★½

    Per molti soldati la vera guerra inizia quando tornano a casa!
    Se l'horror italiano, ahimè, continua a latitare, rimanendo a metà strada tra fiacche rivisitazione dei tempi d'oro del passato e scimmiottamenti scadenti di quello estero, un filone drammatico italiano (Da Garrone a Sollima, fino a f.lli D'Innocenzo), con venature estreme, negli ultimi vent'anni continua a regalare piacevoli sorprese. E' il caso di questo nuovo, onesto e solido film d'azione, LA BELVA. Un crime noir che mette sul piatto diverse…

Popular reviews

More
  • Uncut Gems

    Uncut Gems

    ★★★★½

    I fratelli Safdle, dopo HEAVEN KNOWS WHAT e GOOD TIME, riescono a confermare non solo quanto di buono mostrato nei loro primi due lungometraggi, bensì alzano vertiginosamente l'asticella della qualità narrativa, estetica e dinamica con una pellicola furibonda, ansiogena e folle. Un film destinato, sopratutto grazie ad un finale shock, imbottito di adrenalina e inaspettato, a lasciare senza fiato lo spettatore dopo una maratona di ben 135 min, tempo tutt'altro che facile da gestire per una storia urbana come questa.…

  • Bad Tales

    Bad Tales

    ★★★★

    'Quanto segue è ispirato ad una storia vera ..... la storia vera è ispirata ad una storia falsa ..... la storia falsa non è molto ispirata'
    Il secondo lungometraggio dei fratelli D'Innocenzo, con un titolo che sembra partorito da uno sketch comico di Maccio Capatonda, è un 'disturbing drama' figlio di un'attenta analisi da parte del duo romano all'incomunicabilità familiare tra generazioni, focalizzato in particolar modo su un'illusoria parvenza di felicità della periferia (romana ma che riflette ampiamente quella italiana),…