RSS feed for Ivan

Favorite films

Recent activity

All

Recent reviews

More
  • The Lighthouse

    The Lighthouse

    ★★★★★

    RECENSIONE COMPLETA (NewsArt)

    L’opera ultima del promettentissimo statunitense Robert Eggers, The Ligthouse, rasenta la perfezione sotto ogni punto di vista: un horror come non se ne vedevano da molto tempo, che porta avanti una certa idea di cinema, rendendo i giusti tributi ai cineasti storici da cui impara per poi distaccarsi per seguire una propria strada, e che entra di diritto e a mani basse tra i migliori film del genere di questo decennio e oltre. Tra un equilibrio e…

  • Joker

    Joker

    ★★

    RECENSIONE COMPLETA (NewsArt)

    Il Joker di Todd Phillips non convince, se non per l’interpretazione validissima di Phoenix. Phillips si è lanciato in un qualcosa che chiaramente non gli appartiene, da apprezzarsi comunque il rischio e la responsabilità di cui ha deciso farsi carico.
    Unica nota positiva oltre alla prova attoriale del protagonista va al finale, convincente e d’effetto: se tutto il film fosse stato serio e schietto quanto lo è stato nell’ultimo quarto d’ora sarebbe stato molto più valido.
    Vale comunque la pena guardarlo se amate il genere e, soprattutto, il personaggio.

Popular reviews

More
  • Cold War

    Cold War

    ★★★★

    RECENSIONE COMPLETA (NewsArt)

    Pawlikowski sforna un lungometraggio stupendo in tutti i suoi aspetti, visivi (e visibili) e non. L’opera è una piccola perla che appassiona e coinvolge fin da subito, scorrevole e breve, grazie al ritmo e allo stile unico e personalissimo con cui la sceneggiatura si evolve e al modo in cui i fatti vengono narrati, oltre ad essere condito con inquadrature di alto livello, elegantissime nel 4:3 del freddo bianco e nero, ma sempre sobrie e mai barocche.

  • Lost in Translation

    Lost in Translation

    ★★★★★

    RECENSIONE COMPLETA (NewsArt)

    In poco più di cento minuti, la Coppola riesce a far evadere lo spettatore dalla propria vita ordinaria, soffocata dai legami con le persone che amiamo (o che crediamo di amare) e che ne fanno parte, e dalla condizione di “perennemente incompreso”, a tal punto da credere di essere inadeguato, per seguire la breve alienante odissea di Bob e Charlotte condividendo momenti di estrema complicità ed empatia che non sfociano mai nella profanità o negli stereotipi amorosi del film romantico medio.